Feed RSS
iscriviti

“L’artista di strada”: la scultura di Salvatore Perchinelli arriva in Comac

L’attenzione al mondo che ci circonda e a tutte le forme d’arte che lo rappresentano fa parte, da sempre, del DNA di Comac

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 |
Categoria: Arte e Cultura

L’attenzione al mondo che ci circonda e a tutte le forme d’arte che lo rappresentano fa parte, da sempre, del DNA di Comac: dalla scrittura al teatro fino alla scultura, le iniziative culturali che nel corso degli anni hanno trovato il nostro sostegno sono state davvero molte.

 

L’ultimo passo (per ora!) su questa strada ci ha portato all’opera “L’artista di strada”, realizzata dallo scultore Salvatore Perchinelli – originario di San Pietro in Guarano (Cosenza) e che vive a San Vendemiano (Treviso) - nel 2016: da qualche settimana l’opera si trova proprio all’ingresso dell’azienda, ad accogliere con calore chiunque si trovi a visitare la nostra sede principale.

 

“L’artista di strada” è stata realizzata appositamente per essere presentata all’edizione 2016 della Biennale di Architettura a Venezia, all’interno dell’evento collaterale “Senza terra – Without Land”.

 

In quella occasione, più di 50 artisti di tutto il mondo hanno esposto le proprie opere all’Isola di San Servolo, a Venezia: un luogo particolare, che fino agli anni ’70 ha ospitato un manicomio.

 

Il tema centrale dell’esposizione poggia proprio sul concetto di “non luogo” (teorizzato da Marc Augè) e Salvatore Perchinelli, attraverso la figura del suo artista di strada, ne dà una personalissima interpretazione.

 

Usando le parole scelte dall’autore:

L’artista di strada

È figlio di ogni contrada

Si nutre di emozione

In continua evoluzione

Indossa le radici

Di una cultura millenaria

Che trasmette con arte

... straordinaria

 


Questa figura, quindi, rappresenta l’essenza del “non luogo”: è destinata a entrare in contatto con le altre individualità, ma mai in relazione con loro, spinto da un continuo desiderio di cambiamento.

 

La sua identità, in ogni caso, è unica: il suo simbolo è la valigia su cui sono impresse parole e brani di canzoni.

 

Un bel simbolo anche per Comac, sempre pronta a cogliere le sfide future di un mondo sempre più grande.

 

Ufficio Comunicazione, Web e Relazioni Esterne Comac

Condividi sui socials:
Lascia un commento
Captcha
invia commento

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità Comac, inserisci la tua mail e i dati richiesti:
iscriviti